La Bella Addormentata e il decommissioning

«Ci vogliono più cantieri. Ci vuole più energia. E io dico nucleare e non mulini a vento» disse Tremonti a Porta a porta il 21 Marzo 2006.

Anche lui fu tra i tanti che si prodigarono per cercare di farci mordere la mela avvelenata delle centrali nucleari, tra questi anche ex ecologisti, chissà se la riconoscete:

scommetto che avete pensato a Chicco Testa! La Prestigiacomo tra un poco? Neppure, è solo una metafora per la Areva.

A Cernobbio recentemente Tremonti invece ha dichiarato : «C’è il debito pubblico, c’è il debito privato, ma c’è anche il debito atomico da calcolare. Bisogna riflettere, discutere e vedere chi ci ha guadagnato e chi ci ha perso – riferendosi ai Paesi dotati dell’energia atomica – se gli altri Paesi non avessero il nucleare bisognerebbe ricalcolare il Pil. Pensate che nel calcolo di chi ha il nucleare non è considerato il costo del decommissioning (lo smantellamento delle centrali atomiche). Se si dovesse calcolare il costo del decommissioning molti dei Paesi che hanno il Pil maggiore del nostro sarebbero indietro».

C’è bisogno di commentare queste dichiarazioni?

Da quanto tempo milioni di comuni cittadini, centinaia di migliaia di blogger e di scienziati vanno ripetendo queste argomentazioni, irrisi da politici e lobbisti, ci volevano i disastri giapponesi per svegliare la Bella Addormentata.

Mi sorge addirittura un dubbio: che l’interessamento politico internazionale per il popolo libico e la mobilitazione militare di questi giorni, siano sponsorizzate dalle lobby nucleariste, per far parlare d’altro i telegiornali, (per questo Sarko era in prima fila e adesso il nostro governo organizza questa manfrina sul comando della missione?).

Ai popoli giapponese e libico voglio invece trasmettere senza riserve la mia solidarietà.

Intanto mi chiedo chi sia tra noi così coraggioso, come furono alcuni tra i nostri nonni, che si arruolarono nella Brigata Internazionale per difendere la Repubblica Spagnola, essa perse, solo per questo furono eroi? Se avesse vinto dovremmo annoverarli tra i guerrafondai?

Fu un caso fortunato che condusse il Giappone ad attaccare Pearl Harbor e che esso si fosse legato a Germania e Italia con il Patto Tripartito del 27 settembre 1940, altrimenti chissà che sarebbe stato dell’Europa.

Certo capire cosa fare, quando intervenire è difficile, non sempre si tratta di litigi tra bambini che si danno qualche spinta, a volte intere popolazioni vengono massacrate, qualcuno ricorda gli armeni di Turchia?

Annunci

Informazioni su bernardodaleppo

Sempre a casa mia, sempre fuori posto.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...